Seleziona Pagina

Categoria: Topics

La storia delle due Coree

Non si era ancora spenta l’eco delle polemiche per il lancio nelle acque del Mar del Giappone di un missile balistico nordcoreano lo scorso 11 febbraio, che il regime di Pyongyang è tornato alla ribalta internazionale per l’assassinio di Kim Jong-nam, il fratellastro del supremo leader della Corea del Nord Kim Jong Un. Kim Jong-nam, che viveva in esilio da anni spostandosi di continuo tra diverse città del Sud Est asiatico, è stato assassinato il 13 febbraio all’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur in Malesia da un commando di agenti segreti che lo hanno colpito al volto con una micidiale...

Leggi di più

L’Italia schiera 500 soldati in Niger

  Dopo che Italia e Niger hanno firmato a Roma nel settembre di quest’anno un accordo di cooperazione nell’ambito della difesa, nel corso del 2018 il nostro paese ha previsto anche una missione militare nel cuore dell’Africa. L’annuncio è stato fatto dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni durante il vertice francese convocato dal presidente Emmanuel Macron per dare vita al G5 Sahel, una coalizione che vede impegnati Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. Mentre il protocollo italiano di settembre era rivolto alla formazione e all’addestramento del personale delle forze armate nigerine, il contingente che sarà schierato nel 2018 è...

Leggi di più

Le fake news e l’idiozia al potere

«Trump è colpevole e dovrebbe andare in carcere per tradimento» ha scritto su Facebook James Hodgkinson il 12 giugno 2017, poco prima di recarsi presso il campo di baseball di Alexandria, Virginia, e aprire il fuoco contro un gruppo di deputati repubblicani che partecipavano a una partita di beneficenza. Steve Scalise, membro della leadership repubblicana alla Camera, per poco non ci ha lasciato la pelle. Hodgkinson, invece, è stato freddato sul posto dalla polizia. La sua vendetta contro il presidente è così finita tragicamente. È andata meglio a Edgar Maddison Welch, ventottenne e padre di due figlie, partito da...

Leggi di più

Un Piano Marshall non salverà l’Africa

Si apre oggi ad Abidjan, capitale economica della Costa D’Avorio, il summit di due giorni che vedrà riuniti i leader dei Paesi dell’Unione Africa e dell’Unione Europea. Un vertice carico di aspettative sulle possibilità di dialogo tra i due continenti e sulle soluzioni su cui puntare per sviluppare la cooperazione nei campi della politica, dell’economia, della sicurezza e della lotta al terrorismo. L’evento si svolgerà nel sontuoso hotel Sofitel Ivory. I partecipanti attesi sono più di mille, tra cui 83 tra capi di stato e di governo di 55 Paesi africani e di 28 Paesi dell’UE. Il governo ivoriano...

Leggi di più

Il Libano nuovo epicentro della crisi in Medio Oriente

La crisi mediorientale evade i confini siriani e si estende in Libano. Sabato 4 novembre il primo ministro libanese Saad Hariri ha annunciato le dimissioni perché, a suo dire, sarebbe in pericolo di vita a causa di un piano omicida nei suoi confronti studiato dall’Iran e dai suoi alleati di ferro in Libano: gli Hezbollah. Hariri, prima di dimettersi, ha incontrato a Beirut Ali Velayati, consigliere del leader supremo della rivoluzione iraniana Ali Khamenei. Dopo averlo ricevuto è volato in Arabia Saudita dove, di fronte alle telecamere della tv locale al Jadeed, ha annunciato il suo passo indietro puntando...

Leggi di più
  • 1
  • 2
Eyeswiss