Seleziona Pagina

Categoria: Europa

Quel che resta di Sharia4Belgium in Europa

Dell’ex leader del dissolto gruppo salafita belga Sharia4Belgium Fouad Belkacem, alias Abu Imran, da tempo non si avevano più notizie. L’ultima era stata quella del suo matrimonio in carcere (inizialmente non consentito dalle autorità per motivi di sicurezza), celebrato nel giugno del 2017 con una connazionale belga-marocchina, madre dei suoi quattro figli. Trentacinque anni, un passato da venditore di auto usate prima e di trafficante di droga poi, Belkacem si era autoproclamato imam e per anni con i suoi sermoni era riuscito a convertire decine di giovani sbandati facendoli poi andare a combattere in Siria e Iraq. Dal 2014...

Leggi di più

Jihadisti in Europa, la versione del Marocco

Nel “Piano Marshall” che l’Unione Europea intende lanciare per sostenere la crescita economica dell’Africa e contenere i flussi migratori impedendo che il jihadismo prenda il sopravvento, uno dei principali interlocutori nella sponda sud del Mediterraneo sarà il Marocco. Un dialogo necessario, consolidato da tradizionali rapporti di “buon vicinato” e che oggi gode del vantaggio di poter fare leva sulla spinta riformatrice di Re Mohammed VI. È un confronto su cui, però, pesa la scia di sangue lasciata dalla cellula di terroristi di origine marocchina affiliata allo Stato Islamico, che il 17 agosto 2017 ha fatto strage nel centro di...

Leggi di più

Jihad: cosa rischia l’Europa

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, di solito molto prudente nei rapporti con la stampa, nel felicitarsi con le sue forze armate ha recentemente affermato: «Oggi possiamo dire che il male di Daesh è stato debellato e che non minaccia più la gente. Con la fine delle operazioni di liberazione di Bukamal, l’ultima roccaforte del Daesh, proclamo la fine di questo albero maledetto». L’ottimismo di chi crede nel tramonto del Califfato, però, appare ancora oggi immotivato e persino pericoloso. Dell’ISIS e dei suoi orrori sono stati versati fiumi di inchiostro, ma in sospeso restano ancora molte domande. Che ne è...

Leggi di più

Terrorismo, una nuova stagione sta arrivando

È soprattutto dalla seconda metà del secolo scorso che il terrorismo si è affermato come strumento violento di lotta politica. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, gli strascichi del colonialismo e le tensioni politico-sociali delle singole realtà nazionali si sono spesso espresse con uno strumento tutto sommato facile e di grande impatto propagandistico: l’attentato terroristico. Gli anni Settanta del Novecento hanno visto in particolare la nascita di due fenomeni, il terrorismo palestinese e le varie forme di terrorismo nazionale (come le BR in Italia, la RAF in Germania, l’ETA in Spagna, etc), che hanno avuto durata sorprendente e...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 9
Eyeswiss