Seleziona Pagina

Categoria: Asia

Possibile negoziare una pace con Kim Jong Un?

Nel momento in cui le due Coree sperimentano la delicata strada della détente (distensione politica) a Vancouver è andato in scena il cast completo delle potenze vincitrici della guerra che ha insanguinato la penisola tra il 1950 e il 1953. Su quel palcoscenico internazionale, allestito in gran parte dagli Stati Uniti, mancavano due attori fondamentali per la soluzione della crisi: la Cina e la Russia. Non solo, il grande assente ai colloqui nella città canadese era la delegazione nordcoreana. Un summit, dunque, sulla Corea del Nord senza la Corea del Nord. Lo scopo del vertice di Vancouver del 15-16...

Leggi di più

Al Giappone sta stretta la Costituzione pacifista

Susanoo, dio delle tempeste, si inginocchiò accanto al cadavere di sua moglie, la principessa Kushinada. Le accarezzò la pelle del viso, ormai raggrinzita, e ricordò i momenti più belli trascorsi con lei alla residenza di Izumo, nella prefettura di Shimane. Della bellezza di Kushinada, dei suoi capelli neri e lucenti, del suo amabile sorriso, non restava più niente. «Così effimera – pensò Susanoo – come rugiada che evapora; è la vita degli esseri umani», si legge in Memorie di Antichi Eventi di Francesca Angelinelli. Il Kami della Piana del Mare fu esiliato a Izumo per aver offeso la dea...

Leggi di più

Coree: gli interessi economici dietro il disgelo

Come noto, dietro la decisione di Pyongyang di aprire al dialogo con la Corea del Sud ci sono motivazioni che vanno ben oltre la volontà di partecipare ai prossimi Giochi Olimpici Invernali di Pyeongchang. Quella del dittatore Kim Jong Un, infatti, è una mossa dettata anzitutto da esigenze di carattere economico. Vediamo perché.   Il peso delle sanzioni internazionali La mancanza di stime ufficiali sui tassi di crescita registrati dalla Corea del Nord nel 2017 impedisce di quantificare con esattezza il peso che le sanzioni internazionali stanno avendo sulla sua economia. Può essere comunque indicativo il dato che arriva...

Leggi di più

C’era una volta la diplomazia del ping pong

Soltanto pochi giorni fa nel suo discorso di capodanno Kim Jong Un, il “Grande Leader” della Corea del Nord, il “principe ereditario” giunto al potere nel 2011 dopo il nonno Kim Il Sung e il padre Kim Jong Il, ha lanciato al mondo un duplice ambiguo messaggio. Da un lato ha sottolineato che ormai il suo Paese deve essere considerato una potenza nucleare a tutti gli effetti; dall’altro ha manifestato la disponibilità della Corea del Nord a partecipare con una sua delegazione di atleti ai Giochi Olimpici Invernali che si terranno a Pyeongchang, nella Corea del Sud, dal prossimo...

Leggi di più

Bitcoin: chi vieta (e chi no) le criptovalute

Di fronte all’espansione del mercato delle criptovalute non tutti i Paesi stanno reagendo allo stesso modo. Alcuni Stati si sono mostrati da subito interessati ad adottare le valute digitali. È il caso di Russia e Venezuela, che secondo il New York Times starebbero pianificando di creare delle proprie monete virtuali per eludere le sanzioni americane. Altri Paesi si sono invece mostrati più cauti, limitandosi per il momento a munirsi di strumenti di controllo per monitorare l’andamento delle criptovalute. C’è chi, infine, hanno deciso di ostacolare da subito una loro possibile “invasione”. Secondo una stima di Russia Today, si sono...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 8
Eyeswiss