Seleziona Pagina

Categoria: Africa

Jihadisti in Europa, la versione del Marocco

Nel “Piano Marshall” che l’Unione Europea intende lanciare per sostenere la crescita economica dell’Africa e contenere i flussi migratori impedendo che il jihadismo prenda il sopravvento, uno dei principali interlocutori nella sponda sud del Mediterraneo sarà il Marocco. Un dialogo necessario, consolidato da tradizionali rapporti di “buon vicinato” e che oggi gode del vantaggio di poter fare leva sulla spinta riformatrice di Re Mohammed VI. È un confronto su cui, però, pesa la scia di sangue lasciata dalla cellula di terroristi di origine marocchina affiliata allo Stato Islamico, che il 17 agosto 2017 ha fatto strage nel centro di...

Leggi di più

Niger, la verità nucleare dietro asse Roma-Parigi

Il 30 marzo 2016 la Corte Costituzionale del Niger sanciva ufficialmente la vittoria di Mohammad Issoufou al secondo turno delle elezioni presidenziali che si erano tenute il 20 marzo precedente. Con oltre il 90% dei voti, contro il 7% ottenuto dal suo principale oppositore, Hama Amadou, il presidente uscente nigerino veniva dunque confermato alla guida del Paese per un secondo mandato. Amadou era stato arrestato durante la campagna elettorale, per intimidire ogni possibile avversario alla conferma del secondo mandato per il presidente. Nonostante denunce di brogli e irregolarità, il silenzio della comunità internazionale rispetto a quanto avvenuto strideva con la volontà occidentale di...

Leggi di più

Il Grande Gioco nel Mar Rosso

Continua a salire la tensione tra i Paesi africani affacciati sul Mar Rosso. Gli Stati coinvolti sono Egitto, Sudan, Etiopia ed Eritrea, con spettatori interessati Turchia, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. In gioco ci sono anzitutto enormi affari economici, a cominciare dalla costruzione dalla nuova diga Grand Ethiopian Renaissance Dam, ma non solo. L’Africa nord-orientale è infatti disseminata di questioni irrisolte da decenni (in primis il conflitto tra Eritrea ed Etiopia tra il 1988 e il 2000, ma anche le dispute territoriali tra Sudan ed Egitto). Ma, soprattutto, qui sono in palio altri interessi strategici – su tutti...

Leggi di più

Libia, scontri all’aeroporto di Mitiga

Violenti scontri si sono registrati in Libia nell’aeroporto militare di Mitiga, a Tripoli, nella giornata di ieri, lunedì 15 gennaio. Il bilancio è di almeno 15 morti e oltre 30 feriti. A scontrarsi sono state le Forze di deterrenza speciali RADA, formazione militare sotto gli ordini del Governo di Accordo Nazionale (GNA) del premier designato dalle Nazioni Unite Faiez Al Serraj, e la 33° Brigata di fanteria guidata da Bashir Khalfallah (noto come Al-Bugra), vicina al deposto Governo di Salvezza Nazionale di Khalifa Ghwell. Stando a quanto comunicato da fonti della RADA, gli scontri sarebbero scoppiati dopo che una carovana formata da...

Leggi di più

Campi profughi, umanità dimenticate

Il campo di Shatila in Libano è stato riconosciuto ufficialmente dall’UNRWA (United Nations Relief and Works Agency) nel 1951. Se nei primi vent’anni di gestione libanese dei campi il numero dei rifugiati è stato contenuto dalle restrizioni imposte dal governo di Beirut, con l’arrivo dell’OLP (Organizzazione per la Liberazione della Palestina) all’interno dei campi tra il 1969 e il 1970, questi hanno subito una rapida evoluzione sul piano demografico e urbanistico. Durante il conflitto libanese (1975-1990) il campo è divenuto centro di pressioni politiche, scontri regionali e rivalità interne palestinesi, coinvolto nel tristemente noto massacro di Sabra e Shatila...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 7
Eyeswiss