Seleziona Pagina

Categoria: Italia

Jihadisti in Europa, la versione del Marocco

Nel “Piano Marshall” che l’Unione Europea intende lanciare per sostenere la crescita economica dell’Africa e contenere i flussi migratori impedendo che il jihadismo prenda il sopravvento, uno dei principali interlocutori nella sponda sud del Mediterraneo sarà il Marocco. Un dialogo necessario, consolidato da tradizionali rapporti di “buon vicinato” e che oggi gode del vantaggio di poter fare leva sulla spinta riformatrice di Re Mohammed VI. È un confronto su cui, però, pesa la scia di sangue lasciata dalla cellula di terroristi di origine marocchina affiliata allo Stato Islamico, che il 17 agosto 2017 ha fatto strage nel centro di...

Leggi di più

Cosa c’entra Putin con le elezioni italiane?

Esattamente un anno fa negli Stati Uniti iniziava il Russigate, una campagna denigratoria contro il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Dodici mesi dopo, però, le accuse di ingerenza del Cremlino nelle elezioni del novembre del 2016 che portarono il tycoon newyorchese alla Casa Bianca non sono state dimostrate. Ma non solo. I democratici americani non smettono di rilanciare e ieri, mercoledì 10 gennaio, attraverso lo staff del senatore Ben Cardin hanno diffuso un nuovo report sulle presunte pressioni di Mosca in altre competizioni politiche, comprese quelle del prossimo 4 marzo in programma in Italia. Titolo del dossier L’assalto...

Leggi di più

L’era del terrore

La paura è in natura uno dei sentimenti più potenti, un istinto innato che tende all’autoconservazione e perciò decisivo nel condizionare il vivere quotidiano. Una risposta spontanea al caos globale, ma anche una debolezza su cui è facile fare leva. Al punto che è diventato un buon affare. Se, infatti, da una parte è il terrorismo a sfruttare abilmente tale condizione umana, dall’altra anche i governi, la politica e i media hanno contribuito sensibilmente a costruire l’idea che il terrore sia ovunque, anche quando non lo è. Sulla base di fatti concreti (questo è sicuro), si è impulsivamente scelto...

Leggi di più

Come lavorare in aree di crisi

Se atterrati all’aeroporto internazionale Simon Bolivar di Caracas pensate di poter raggiungere indisturbati il centro della città, prendendo un autobus oppure fidandovi di un tassista, è evidente che non conoscete il Paese in cui siete arrivati. Dalla morte di Hugo Chavez il Venezuela si è attestato come uno degli Stati più violenti al mondo. Tradotto, significa che nel tragitto che vi separa dal vostro albergo o dal vostro appuntamento di lavoro, è altissima la probabilità che restiate coinvolti in tentativi di rapina a mano armata: perché in questo Paese ormai si uccide anche per meno di 100 dollari. Di...

Leggi di più

OSCE e diritti umani: il ruolo dell’Italia

Si è svolta il 19 dicembre a Roma presso la Camera dei Deputati la conferenza sul tema Dagli Accordi di Helsinki all’attuale scenario internazionale: un nuovo approccio federativo ai diritti umani, organizzata dalla Federazione Italiana Diritti Umani (FIDU) – Comitato Italiano Helsinki. Il riferimento agli Accordi di Helsinki è stato scelto perché l’Italia dal primo gennaio 2018 ha la presidenza annuale della OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa), che nacque proprio in seguito a quegli Accordi che nel 1975 segnarono una storica svolta nei rapporti Est-Ovest, impegnando gli Stati che vi aderirono al rispetto effettivo...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 5
Eyeswiss