Seleziona Pagina

Categoria: Italia

Trattiva Stato-Mafia. Il vero giudizio sarà quello della Storia

Quando, negli anni a venire, si guarderà con lo sguardo freddo e distante della storia agli eventi che contraddistinsero i fatti avvenuti tra la seconda metà del 1992 e l’estate del 1993, si accetterà probabilmente la vera ragione per cui sono morti Giovanni Falcone prima e Paolo Borsellino poi: l’indagine su Mafia e Appalti condotta dai carabinieri del ROS. Una delle vicende più cupe e al contempo rivelatrici dell’animus italico – stretto tra segreti di Stato e condizionamenti della mafia, tra soldi e potere – si fa improvvisamente chiara, quando leggiamo quell’indagine da cui tutto ha avuto origine e che ha portato i suoi...

Leggi di più

Terrorismo: quei jihadisti di provincia che preoccupano l’Italia

L’islam radicale torna a colpire alla vigilia delle festività pasquali con il metodo classico dei “lone wolwes”, i cosiddetti lupi solitari che spesso proprio solitari non sono. In pochi giorni Francia e Italia hanno vissuto ore di preoccupazione e terrore. Da settimane la galassia islamista ribolle sulle autostrade digitali del web: «Attaccateli, fate il maggior numero di crociati morti». La prima risposta è arrivata il 23 marzo scorso a Carcassonne e a Trèbes, dipartimento di Aude, lontano quindi dalle banlieue ad altissimo tasso di immigrazione e delinquenza comune. Qui ha colpito Redouane Lakdim, marocchino di 26 anni, che ha...

Leggi di più

A maggio la prima missione imprenditoriale italiana in Libia

“Time for action”. È questo lo slogan scelto dalla Camera di Commercio Italo-Libica per il lancio della prima missione imprenditoriale italiana in Libia dall’inizio della guerra civile e dalla caduta del regime di Muhammar Gheddafi nel 2011. Tappe della missione saranno Tripoli, il 2 e 3 maggio, e Bengasi, il 4 e 5 maggio nell’ambito del progetto “Rebuilding Benghazi”. «Sono passati ben sette anni da quel febbraio del 2011 e ciò che è seguito nel tempo ha segnato pesantemente la Libia e il lavoro delle imprese italiane – scrivono nell’appello rivolto alle imprese italiane a prendere parte alla missione...

Leggi di più

Il caso della spia nordcoreana a spasso per Roma

Il 16 marzo il gruppo di esperti delle Nazioni Unite sulla Corea del Nord ha diffuso un nuovo rapporto che rende noti i nomi delle persone e delle società responsabili di aver violato il regime di sanzioni imposte a Pyongyang. Sette individui, per la maggior parte di nazionalità nordcoreana, e tre società del Sudest asiatico sono state reputate colpevoli di aver fornito supporto finanziario ai servizi segreti nordcoreani e di aver permesso l’esportazione di prodotti di lusso nel Paese. Il report indica società di facciata nordcoreane impiegate nella vendita di armi e attrezzature militari all’estero. Nel documento di quasi...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 9
Eyeswiss