Seleziona Pagina

Categoria: Economics

Criptovalute, un (grosso) affare asiatico

Il primo trimestre del 2018 non è stato particolarmente esaltante per il mercato delle criptovalute. Non solo il Bitcoin, che all’inizio di aprile ha toccato un nuovo minimo con un valore pari a 6.500 dollari, ma anche altre monete virtuali concorrenti come Ethereum e Ripple, hanno registrato dei cali significativi nell’ultimo periodo. Il trend negativo che negli ultimi mesi ha investito l’intero settore non ha ancora un’origine chiara, ma potrebbe avere a che fare con la recente decisione del governo cinese, che a febbraio aveva annunciato il blocco di tutti i siti web cinesi legati alle attività di compravendita...

Leggi di più

La sfida degli USA all’Europa al gioco della guerra commerciale

L’imposizione di tariffe del 25% e del 10% su acciaio e alluminio da parte dell’amministrazione Trump accende le polemiche da parte dei partner commerciali degli Stati Uniti, in primis dell’Europa che si dichiara pronta a rispondere con delle contromisure e a ricorrere al meccanismo di risoluzione delle controversie del WTO (World Trade Organization). Trump ha giocato una nuova mossa nella partita del commercio internazionale, imponendo dazi del 25% sulle importazioni di acciaio e del 10% su quelle di alluminio. Se le precedenti decisioni riguardanti l’aumento delle tariffe sui pannelli solari e le lavatrici avevano sollevato dubbi e destato preoccupazioni...

Leggi di più

Le ragioni politiche dietro i dazi di Trump

La decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di porre dazi sulle importazioni di acciaio e alluminio ha generato forti reazioni da parte di molti Paesi. In particolare gli Stati europei, con in testa la Germania, hanno invocato l’esenzione in nome dell’alleanza che lega gli USA all’Europa. La mossa di Trump, già anticipata dal tycoon newyorchese in campagna elettorale, arriva dopo un’indagine approfondita – richiesta nell’aprile del 2017 dallo stesso presidente – per accertare le cause dello squilibrio commerciale americano e predisporre opportune misure per ridurlo. Siamo, infatti, di fronte a un atto di natura squisitamente “politica” che...

Leggi di più

Ultima chiamata per l’Eurozona?

Dopo dieci anni di avverse condizioni “meteorologiche”, sembra essere tornato il sereno nel vecchio continente. Tuttavia, è evidente che la crisi, o meglio, le numerose crisi abbiano messo in ginocchio l’Eurozona a causa delle sue deficienze istituzionali e della scarsa convergenza al suo interno. Gli strascichi che queste perturbazioni hanno lasciato dal punto di vista finanziario, macroeconomico e politico impongono un’urgente revisione dell’attuale assetto dell’area. Come ha ricordato lo scorso settembre nel suo discorso sullo stato dell’Unione il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, «dobbiamo completare i lavori della casa europea finché splende il sole», cioè in questo 2018....

Leggi di più

Siria e Iraq: l’economia del post-Califfato

Il 17 agosto 2017, i maggiori esponenti del governo siriano inauguravano, dopo sei anni di conflitto, la 59° Fiera Internazionale di Damasco, celebre appuntamento economico annuale aperto a tutte le imprese internazionali operanti o desiderose di operare in Siria. Seppur colpita da un attacco terroristico, la Fiera ha rappresentato un punto di svolta simbolico per la vita economica del Paese, dando via al lungo processo di ricostruzione economica e sociale tanto atteso dalla popolazione, ma anche dalle imprese regionali. Perché con la lenta ma graduale sconfitta dello Stato Islamico, Siria e Iraq si preparano a gestire una nuova “febbre...

Leggi di più
  • 1
  • 2
  • 3
  • & Hellip;
  • 5
Eyeswiss